Law Firm Italy

Studio Legale
recupero crediti - privacy - contratti - marchi - pubblicità

NewsLetter
Per ricevere gratuitamente la NewsLetter di Infogiur inserite il vostro indirizzo
e-mail:
 
Clicca qui

informativa privacy

Consulenza
concorsi e operazioni
Concorso a premio
Operazione a premio
Manifestazione a premio

 

 

 

 

Diritto d’autore: la mera assenza del contrassegno SIAE su supporti multimediali non è penalmente sanzionabile, ma permane la punibilità se i supporti risultano anche abusivamente riprodotti.
 


La Corte di Cassazione nella sentenza n. 27764 del 24 giugno 2008 afferma che le disposizioni nazionali che prescrivono l’apposizione del contrassegno SIAE su supporti multimediali contenenti operi dell’ingegno costituiscono “regole tecniche” ai sensi delle direttive 83/189/CEE e 98/34/CEE. Tali direttive stabiliscono in particolare che le “regole tecniche” poste a tutela dei diritti d’autore possono essere opposte ai privati solo dopo la loro notificazione alla Commissione Europea. Pertanto, non avendo lo Stato Italiano rispettato l’obbligo di notificazione di dette regole alla Commissione Europea, imposto dall’art. 8 della direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 giugno 1998 n. 98/34, le disposizioni interne che sanzionano, anche penalmente, la mancata apposizione del contrassegno SIAE sui suddetti supporti non possono essere fatte valere nei confronti dei privati e vanno di conseguenza disapplicate.

La Corte, riprendendo alcune sue precedenti decisioni, afferma che “devono essere dichiarati non sussistenti i fatti reato previsti con riferimento alla utilizzazione di supporti privi del contrassegno SIAE, come previsti da parte dell'art. 171 bis e dell'art. 171 ter, comma 1, lett. d), commessi fino all’8 novembre 2007, risultando accertato che fino alla data di emanazione della sentenza Schwibbert (Sentenza della Corte di Giustizia CE del 8 novembre 2007) lo Stato italiano era rimasto inadempiente all'obbligo di notificazione delle regole tecniche; eventuali sentenze di condanna debbono, pertanto, essere annullate senza rinvio in linea con i principi affermati dalla sentenza della medesima Sezione n. 16969 del 28 marzo 2007, PG in proc. Palmioli, rv 236116, in tema di scommesse sportive previste dalla L. 13 dicembre 1989, n. 401, art. 4”.

Peraltro la Cassazione afferma che “nessun effetto viene prodotto dalla citata sentenza Schwibbert sui fatti di reato aventi ad oggetto l'utilizzazione di supporti abusivamente riprodotti, come previsti dell'art. 171 ter, comma 1, lett. c), cosicché restano in sè punibili le condotte lesive dei diritti poste a tutela della personalità dell'autore o lesive dei diritti alla utilizzazione economica dell'opera di ingegno”, e che “analoghi principi debbono applicarsi alle ipotesi previste dell'art. 171 ter, comma 2, lett. a), con la conseguenza che non sussiste fattispecie di reato se la contestazione concerne esclusivamente il riferimento a supporti privi del contrassegno SIAE, mentre permane la punibilità se i supporti risultano (anche) abusivamente riprodotti.

 

Testo integrale della sentenza della Cassazione Penale n. 27764 del 24 giugno 2008.

A.P.

 

Infogiur - studio di consulenza e-business