Law Firm Italy

Studio Legale
recupero crediti - privacy - contratti - marchi - pubblicità

NewsLetter
Per ricevere gratuitamente la NewsLetter di Infogiur inserite il vostro indirizzo
e-mail:
 
Clicca qui

informativa privacy

Consulenza
concorsi e operazioni
Concorso a premio
Operazione a premio
Manifestazione a premio

 

 

 

E-mail aziendali: il datore di lavoro può leggerle.

07/01/08

Non incorre nel reato di cui all’articolo 616 c.p. (violazione, sottrazione e soppressione della corrispondenza) il datore di lavoro che legge le e-mail aziendali dei propri dipendenti se esiste un regolamento dettato dall’impresa che obbliga il dipendente a comunicare la password del pc e della casella di posta elettronica al superiore gerarchico. Questo è quanto ha stabilito la V sezione della Cassazione penale nella sentenza n. 47096 del 19 dicembre 2007.
L’art. 616 comma 1 c.p. punisce la condotta di “chiunque prenda cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa, a lui non diretta, ovvero sottrae o distrae, al fine di prenderne o di farne da altri prendere cognizione, una corrispondenza chiusa o aperta, a lui non diretta, ovvero, in tutto o in parte, la distrugge o sopprime”.
Sicché, quando non vi sia sottrazione o distrazione, la condotta di chi si limita a “prendere cognizione” è punibile solo se riguarda “corrispondenza chiusa”.
La Corte, in particolare, afferma che la corrispondenza informatica può essere qualificata come “chiusa”, ai sensi dell’articolo succitato, “solo nei confronti di soggetti che non siano legittimati all’accesso dei sistemi informatici di invio o di ricezione dei singoli messaggi”.
Pertanto, sostiene la Corte, deve ritenersi che la corrispondenza custodita in un computer protetto da password è lecitamente conoscibile da parte di tutti coloro che legittimamente dispongono della chiave informatica di accesso.

Testo integrale della sentenza Cassazione Penale, sez. V, n. 47096/2007.

A.P.
 

 

Infogiur - studio di consulenza e-business